OPEN DAY 1 OTTOBRE 2017

openday2

 

VISITATE LA PAGINA FACEBOOK DI ALEMOTO CORSE

OPPURE VISITA il profilo di Alessandro Loprevite

 

Molte immagini e video vi aspettano

16830676_707180979461386_1012949805413429704_n

Alcune foto della scorsa EDIZIONE

16807710_707180969461387_2792034884683604986_n

Pubblicato in Notizie | Lascia un commento

MUGELLO TEST

 

 

824_9997_0-copia

Giovedì 24 agosto 2017 al Mugello si è svolto un altro test del team ALEMOTO CORSE , rappresentato da Alessandro Loprevite, Luca Donnarumma, Alessandro Consoli e Loredana D’urzo che hanno portato in pista la ducati 999 per portare avanti lo sviluppo per il progetto 212 GP (moto prototipo che il team porterà in pista quanto prima possibile).

20994360_10155812997409101_2640443693315364437_n

Vogliamo ringraziare tutti gli sponsor e gli amici che permettono tutto questo.

21122571_10155820469574101_1075812311118227871_o

In primis Luca Donnarumma in arte MEGA-NE per la fornitura della ducati 999 e della realizzazione della stupenda grafica, che chi ci segue da tempo saprà bene che questa è ben la terza interpretazione dello stile Itansha che il nostro artista Luca Donnarumma porta in Italia sulle moto da GranPrix.

SUCCESIVAMENTE ringraziamo Remax Trinity , Uniqual, Docneri,Woodplanet e il vincente per le sponsorizzazioni.

da non dimenticare Ugo racing suspension, Exan, Curzio Design, Sintoflon, Vernici Spray, Custom ink, k ble jungle , Bio Nutrition ES Group e Lory decò e tutti gli amici per materiali l’assistenza e la disponibilità e tanto altro ancora fornito al Team.

21125360_10155820467654101_1447638015123131813_o

La nostra giornata si e svolta su 5 turni, Alessandro a percorso 35 giri con una temperatura di asfalto di 55 gradi e di 35 gradi di temperatura ambientale.

i tempi sul giro sono stati buoni si e lavorato sulla messa a punto della ciclistica e delle sospensioni la acquisizione di dati sul telaio standard ci fornisce feedback positivi per lo sviluppo del nuovo telaio, la velocita massima raggiunta in fondo al rettilineo e stata superiore di 280 km orari,la moto e andata bene e siamo molto soddisfatti i nostri 133 cv si fanno sentire .

sono state installate telecamere sulla moto che ci permetteranno di studiare i comportamenti di moto e pilota e a breve seguira un videoclip del TEST ( montaggio e grafica By Mega-ne)

21083146_10155820466499101_3002086729612775214_o

 

il prossimo anno e ancora da definire…. aspettiamo le conferme dei nosrti sponsor per la prossima stagione….grazie ancora di cuore a tutti…e buon lavoro!

di seguito alcune foto delle giornata.

presidente asd Alemoto Corse
Alessandro Loprevite

Pubblicato in Notizie | Lascia un commento

SCUOLA PILOTAGGIO ADULTI E BAMBINI

ALEMOTO CORSE ASD

DSC05683
scuola di pilotaggio per adulti e bambini
Minimoto – Supermotard – Superbike – Motocross

PRENOTA LA TUA PROVA GRATUITA VIA E-MAIL a info@alemoto.com

IMG-20161105-WA0051.jpg

SONO APERTE LE ISCRIZIONI PER LA STAGIONE 2017/18
CORSI SU MINI-MOTO PER BAMBINI dai 3 anni in su

1 ora di corso a settimana al Centro Sportivo Sandro Pertini di Cornaredo MI

IMG-20161022-WA0055.jpg

TUTTI I SABATI ( come da calendario scolastico)

Orari dei corsi MINIMOTO

principianti dalle 10 alle 11

esperti dalle 11,15 alle 12,15

Orari dei Corsi MINICROSS

principianti dalle 14,15 alle 15,15

esperti dalle 15,30 alle 16,30

DSC05685
Si effettuano corsi personalizzati di meccanica per adulti e ragazzi
Lezioni private per bambini e ragazzi
Corsi personalizzati di pilotaggio per adulti sui maggiori circuiti italiani

DSC05744

Per informazioni e iscrizione ai corsi contattateci:
E-mail: info@alemoto.com
Tel. 340 3819466

DSC05678

Alessandro & Loredana vi aspettano

Pubblicato in Notizie | Lascia un commento

Misano World Circuit

MISANO REGALA IL PODIO AL TEAM ALEMOTO CORSE.

IMG-20161016-WA0012

L’ultima tappa del campionato Old Open Cup si è svolta sul Misano World Circuit, nella fantastica cornice del Misano Classic Weekend. In un fine settimana caratterizzato dal meteo non ideale, il team Mega-Ne Alemoto Corse ha condotto una gara di tutto rispetto, tenendo alta la testa dalla prima all’ultima curva.

Misano16_7927

Le prove libere del venerdì si sono svolte in condizioni di bagnato e bassa temperatura. Alessandro Loprevite, in sella alla rinnovata Ducati 999S gommata rain, ha portato a casa tanta esperienza, oltre a nuovi riferimenti sulla pista. La giornata di sabato invece ha graziato tutto il paddock, ma il cielo è rimasto comunque cupo. Nella tarda mattinata si sono viste le prime schiarite e il vento ha accarezzato l’asfalto, asciugandolo velocemente. Il primo turno delle prove ufficiali fortunatamente sono state affrontate con gomme asciutte, sebbene in alcuni punti quali la curva della Quercia ci fosse ancora dell’acqua. Le condizioni non ideali di grip e la temperatura non proprio estiva non hanno fermato Alessandro, che ha conquistato la 22esima casella su 38 partenti, con un crono di 1.57. Già durante la sera del sabato, il cielo ha ricominciato a scaricare qualche goccia di pioggia, rendendo inutile il secondo turno di prove ufficiali, che si sono svolte alla domenica mattina. La gara, con partenza alle ore 15.30 e durata 10 giri, è stata dichiarata asciutta. La partenza era, sulla carta, il momento più difficile e pericoloso, perché con 38 moto in griglia poteva succedere di tutto. Lo start di Alessandro è stata buono e lineare, combattendo con le altre moto fin da subito. In ogni curva ci sono stati almeno due o tre sorpassi, con staccate al limite alla Quercia e infilate carena contro carena al Curvone, che si affronta a circa 250 km/h. Il punto tecnicamente più difficile e stressante è la staccata che porta alla Curva del Carro, dove molti piloti hanno cercato il sorpasso, offrendo un grandissimo spettacolo a tutti. È un punto molto difficile, perché si deve rallentare moltissimo con la moto piegata e si deve garantire un’ottima scorrevolezza in tutte le fasi della curva. Purtroppo, la rottura del motore di un pilota alle primissime posizioni, che ha sparso olio per tutto il tracciato, ha reso inagibile il tracciato e il commissari di gara hanno bloccato la gara al settimo giro. Sono state sette tornate intense ed avvincenti, dove Alessandro ha spinto per ottenere massima performance, abbassando la media in gara attorno al 1.54. La settima tornata ha sancito la terza posizione definitiva di Alessandro nella categoria Over 800cc; il podio di Misano ha il profumo di una vittoria contro la sfortuna di Varano, che ha centrato in pieno il motore della sua Ducati 999S.

Misano16_3207

Alessandro a fine gara ha detto “Che gara! Terzo posto al Misano World Circuit! Sono molto contento perché il lavoro fatto a casa ha dato ottimi risultati. Il lavoro in officina ha garantito l’ affidabilità e le prestazioni che abbiamo concretizzato in gara,la preparazione atletica di questi mesi mi ha permesso di mantenere un passo gara molto buono e tutta la squadra ha lavorato bene sia a casa che in pista. È stato un weekend stressante, lo ammetto, con le prove di venerdì sul bagnato, poi qualifiche umide e poi la gara non del tutto asciutta. Ho dato il massimo e ho portato a casa il terzo posto con dignità. Ho chiuso al meglio questa stagione, che è stata memorabile, per tutte le emozioni che ha saputo darmi: dal grande dispiacere di Varano, alla stanchezza delle serate con la moto ancora da finire, alla felicità che provo adesso; è stato il podio più bello di tutti gli altri.”

IMG-20161016-WA0006

Si conclude così la stagione 2016 del team Mega-Ne Alemoto corse; è stata molto intensa, dove con i pochi mezzi a disposizione si è riuscito a fare davvero molto. Ci sono state delle difficoltà legate all’affidabilità, che sono ora solo un lontano ricordo, e i 134cv di Tasha ora sono una solida certezza. In ogni appuntamento che il team ha affrontato, c’è sempre stato un lavoro di affinamento tra moto, pilota e team, che hanno portato al podio di Misano.

Grazie di cuore alla famiglia di Alessandro e tutti gli amici, che lo hanno sempre sostenuto.

Misano16_5398

Grazie di cuore anche a tutti gli sponsor che hanno seguito l’avventura 2016 di Alessandro e di Tasha: MEGA-NE, PRODIGYS, BANCA POPOLARE DI LODI, LORY DECO, SINTOFLON, GPR, BC ENGINEERING, UGO RACING, MAURO COLAZZILLI, DARWIN GARAGE, DOC NERI, STREET DESIGN MILANO, EPOXYSHOP, WOOD PLANET, VERNICI SPRAY,CUSTOM-INK, K-BLE JUNGLE, MECHART, UNIQUAL,REMAX.

Grazie al Gentlemen Motor Club di Roma, nelle persone di Daniele
e Gigi, che hanno organizzato e gestito il campionato al meglio.

Non c’è modo migliore per chiudere una stagione quanto un podio conquistato a suon di sorpassi. Il 2017 sarà altrettanto ricco di sorprese!

Valerio Garagiola Alemoto Corse

Pubblicato in Notizie | Lascia un commento

Varano colpisce ancora!!

Varano colpisce ancora.

Dopo aver presentato la nuova veste di Tasha allo Spirit a Bareggio , il team Mega-Ne Alemoto intraprende il viaggio in direzione Varano.

varano16_6638 (2)

Prima di raccontarvi come e andato il week end voglio ringraziare fin da subito tutti perche senza di voi non saremmo qui a raccontarvi le nostre avventure.

Ringraziamo vivamente la Banca Popolare di Lodi e il nostro main Sponsor Prodigys Group,Il doc Neri Sintoflon, Epoxy shop, Custom Inc, Lory Decò, Wood Planet, Mechart Milano,Vernici Spray,K-blue Jungle,Darwin Garage, Street design , Uniqual,Motospecial e GPR

varano16_6571

La pista parmense è stata teatro di gare entusiasmanti, che hanno dato la giusta energia per il nostro progetto. Le prove del venerdì mattina sono servite per testare la moto e verificare che tutto il lavoro delle scorse settimane sia stato fatto a regola d’arte. Dopo 48 giri col passo del minuto e 17 secondi su pista umida a causa di un temporale notturno tutto procedeva nel migliore dei modi: la moto era ok, rispondeva bene alle reazioni del pilota, il quale si sentiva in forma e pronto per la gara.

VARANO 212-63

Il clima della squadra era sereno, con la consapevolezza di poter essere nella parte alta della classifica. Dopo un ulteriore controllo generale a Tasha, si parte per qualifica 1. Siamo tutti molto carichi, anche Alessandro sa di poter far bene. Durante la qualifica tutto procede al meglio, Tasha risponde ai comandi sempre più decisi di Alessandro, i quali assieme alla prima variante tirano staccate davvero spettacolari fino a limare un secondo dalle prove libere, quando, all’ultimo minuto del turno di qualifica, un inconveniente al motore ci lascia di stucco.

VARANO 212-58

Recuperiamo in fretta la moto e vediamo cosa è successo: la cinghia del pistone orizzontale ha un consumo decisamente anomalo, tanto che alcuni denti si sono letteralmente disintegrati.

VARANO 212-44

Dato che sfortunatamente non abbiamo sul furgone delle cinghie di ricambio ,riusciamo a farcele prestare da un altro team. Dopo aver controllato, nel poco tempo a disposizione, che tutti gli organi coinvolti fossero ancora sani, Alessandro assieme ad un esperto ducatista della Byte Therapy hanno risistemato la cinghia. Ad una prima accensione la moto pare funzioni in maniera corretta.

VARANO 212-29 copiaVARANO 212-25

Consapevoli della nostra 11esima posizione assoluta decidiamo di sfruttare il secondo turno di qualifiche solo per verificare che la moto, dopo la sostituzione della cinghia, funzioni in maniera corretta.Abbiamo percorso 2 giri la moto andava molto bene, fin quando il fattaccio: blocco totale del motore, ruota posteriore bloccata e caduta ingloriosa di Tasha e Alessandro. Moto a terra, così come il nostro pilota per fortuna senza nessuna conseguenza.

VARANO 212-18

Dopo averla riportata ai box, cerchiamo di riaccenderla per capire cosa può esser successo, ma il suono terrificante e metallico proveniente dal pistone orizzontale ci fa desistere e mollare in maniera definitiva il colpo. Ci facciamo coraggio e diamo un’occhiata, troviamo albero a camme aspirazione grippato nel suo alloggiamento della testa, crediamo che la scarsa lubrificazione della pompa olio sia la causa del nostro guasto, ma non ci abbattiamo e siamo certi che anche questa esperienza ci aiuti a crescere e diventare sempre più forti .

Varano16_7930

Ringraziamo il supporto di Byte Therapy, la quale ha dimostrato sportività e fair play in un momento difficile, lo staff del PoliMI Motorcycle Factory che è venuto a trovarci nella giornata di sabato e tutti gli sponsor che, anche in questo difficile appuntamento, ci hanno seguito.

Valerio Team Mega-ne Alemoto

Pubblicato in Notizie | Lascia un commento

OLD OPEN CUP VALLELUNGA

Primo weekend di aprile, prima gara del team Mega-Ne Alemoto Corse! Il campo di battaglia si chiama Vallelunga, il campionato è l’ Old Open Cup. La competizione è dedicata a motociclette con almeno 10 anni di età e il pilota deve avere almeno 35 anni.

VALLE 212-18

Noi ci siamo, e siamo carichi a molla. Il nostro weekend inizia con dei turni di prove libere, atti a verificare la bontà del lavoro fatto durante tutto l’inverno e l’assetto. Senza contare inoltre il conoscere le nuove coperture Michelin, per noi ancora un mistero. Tanti ne parlano bene, ma nel paddock le voci negative su queste gomme sono un po’ troppe. Noi ovviamente non stiamo troppo a sentire. Tasha, rispetto all’anno scorso, ha una nuova voce (molto forte e piacevole) e tanti piccoli accorgimenti che rendono il suo funzionamento più fluido e più racing.

VALLE 212-02

La prima giornata nell’autodromo romano serve solo per capire se è tutto ok: fortunatamente tutto è andato al meglio. La giornata di sabato non ha per niente la leggera di venerdì. Ora si inizia a fare i seri: controllo totale della moto, lubrificazione e tensione catena, conteggio benzina, serraggi, pressione gomme (punzonate,tutto il weekend deve essere affrontato con le stesse gomme), tutto deve essere perfetto. I nostri avversari hanno moto più performanti, più potenti e leggere, per non parlare della ciclistica molto più raffinata; ma questo non ci ferma, sappiamo quello che vogliamo e lo avremo.

VALLE 212-05

La prima sessione di qualifiche è caratterizzata da un meteo ideale, con un sole velato che scalda l’asfalto. Alessandro entra in pista molto carico e concentrato, mentre i meccanici e la nostra ombrellina lo seguono dagli spalti e dal muretto dei box. Dopo 11 giri e tanto sudore il bilancio è tutto sommato positivo: siamo 16esimi su 35 piloti totali, davanti a noi ci sono piloti che hanno sempre corso durante l’inverno approfittando di trasferte in territorio iberico. La moto reagisce bene, le gomme sono omogenee e il consumo di pastiglie e benzina è secondo i nostri parametri. Tutto perfettamente sotto controllo. A metà pomeriggio la temperatura inizia a farsi fin troppo altra per i nostri gusti, quindi decidiamo strategicamente di saltare la seconda sessione di qualifica. Così facendo, risparmiamo moto e gomme e saremo più prestanti in gara. Ne approfittiamo tutti per raggiungere la curva Roma, punto ideale per analizzare e confrontare i nostri avversari, soprattutto a fine sessione nel parco chiuso. La seconda sessione ci porta alla 20esima posizione finale su 42 piloti totali. Alcuni hanno preferito saltare la qualifica mattutina, pensando di trovare maggior grip con l’asfalto più caldo. Siamo in settima fila, in mezzo allo schieramento e alla bagarre.

VALLE 212-27

Il giorno successivo, il giorno della pagella. Domenica, la gara, dove tutto il lavoro fatto nel weekend Deve portare al risultato. La tensione sotto il nostro gazebo si può tagliare col coltello da quanto è palpabile. Facciamo i conteggi del caso per la benzina, si augura il meglio a moto e pilota e si parte. Alessandro si porta alla casella numero 20, i meccanici si allontanano dalle moto, ora è tutto nelle loro mani. Prima dentro, il semaforo si spegne, la partenza è ottima. Al primo curvone dei contatti tra piloti avvantaggiano Alessandro che ne approfitta. Rimane in un’accesa bagarre fino alla curva Campagnano, a 250 km/h. fino alla curva Roma è un continuo sorpassarsi, ed è solo il primo giro. Ne mancano 9. Noi meccanici siamo col cuore in gola a vedere questa gara, figuriamoci Alessandro Cuor di Leone. Durante la gara ci sono stati dei sorpassi davvero belli, al curvone e al tornantino. Tasha inoltre ha tenuto testa a mezzi del calibro della BTT-2v, moto artigianale della Byte Therapy, guidata dal centauro Marzio Durando, anche lui con le stesse coperture Michelin. È stato un bellissimo duello, nel quale è stato difficile stare davanti, ma il motore di Tasha ha avuto la meglio.

VALLE - 212-15

mi sono divertito un sacco con Marzio e ammetto che è stato difficile stargli davanti, la cavalleria della moto mi ha aiutato molto (Alessandro)

Ma ci sono stati anche alcuni errori di guida, dettati dal setting non perfetto e dalla foga. La bandiera a scacchi ha sancito la nostra 12esima posizione finale su 42 partenti, un ottimo risultato, e il miglior giro è stato in 1.53.2, un secondo meglio che in qualifica.
Tirando le somme, Tasha ed Alessandro hanno fatto un ottimo lavoro! Ci sono stati miglioramenti in ogni sessione, le gomme hanno retto molto bene la gara, Tasha è sempre stata performante, Alessandro non ha avuto cali di concentrazione o fisici.

Con lo stesso spirito positivo ed ottimista affronteremo la nuova tappa di Varano, a maggio. La pista parmense è un po’ la nostra pista di casa, abbiamo fatto vari test e siamo convinti di fare meglio del 12esimo posto. La strada intrapresa è quella giusta, non ci resta che percorrerla.

Scritto da Valerio GaragiolaTeam Mega-ne Alemoto Corse

Pubblicato in Notizie | Lascia un commento

Supertwins 4 ottobre 2015 Vallelunga

IMG_20151011_130831_905

Vallelunga Supertwins 4 ottobre 2015

Dopo la prima vittoria di Varano il cuore è gonfio e l’entusiasmo dilaga tra le file del team Mega-Ne Alemoto. È stato un weekend difficile, che ha messo a dura prova il team in tutte le sue parti, senza tralasciare la componente più importante: quella umana, la quale è stata in grado di lavorare in sinergia con lo scopo di riportare in pista moto e pilota, ottenendo pure la vittoria. Tuttavia, chi ne esce meno felice è lei, la bestia bolognese che ha portato al trionfo Alessandro: la Ducati 999s anche se vincitrice ha ancora nei suoi meandri la polvere dell’estintore che l’ha spenta. Fiamme che, una volta tornati a casa, fortunatamente non hanno fatto così tanti danni come si pensasse. Per preparare la nuova gara a Vallelunga non basta solo dare una pulita generale e controllare qualche serraggio. Il circuito romano è molto più veloce rispetto alla tappa precedente, con curve da pelo vero, da affrontare in piega attorno ai 200 km/h. Ci vuole velocità, un motore di buon livello, e un aiuto nelle curve veloci, dove serve stabilità.

PP__5448

Ma prima di capire come ottenere tutto questo, è necessario come detto prima pulire tutto. Durante lo smontaggio di carene e gomme, si provvede anche alla sistemazione del pignone e della catena, che sono risultati logori. Nel sostituire il tutto, si provvede ad installare un pignone più grande e ad una catena ovviamente nuova. Per aumentare la stabilità nei cambi di direzione si è optato per un pneumatico con una spalla leggermente più grande;/60 in modo da avere a disposizione piu mescole da provare opzione nata dalla possibilità di avere meno problemi se si dovranno montare delle gomme scolpite da bagnato. Pochi interventi, purtroppo, dettati anche dalle poche possibilità del team. Pochi interventi, quelli giusti, per poter fare una buona prestazione sul circuito di Vallelunga.

PP__4043

La voglia del pilota di fare bene non manca di certo, il morale della squadra è alto ma è anche concentrata sull’ultimo appuntamento. Nei polmoni del team Alemoto c’è tanto fiato da poter dire “noi siamo qui ora, e vi faremo vedere cosa siamo capaci di fare!”. Con questo motivo scolpito in testa, Alessandro e il fido Luca Donnaruma intraprendono la trasferta direzione Vallelunga. Da Milano a Roma il meteo ha mostrato molte facce, partendo con un cielo tranquillo fino a diventare tempestoso, per tornare nuovamente tranquillo.

212-05
La giornata di sabato, la prima dove è stato possibile poggiare le ruote in tracciato, è stata caratterizzata da asfalto umido, che almeno per il mattino ha fatto girare i piloti a ritmi decisamente sotto le aspettative. Dopo un paio di turni si può affermare che le impostazioni scelte per la moto lavorano in modo egregio, portando la Ducati #212 in una solida quinta posizione nel primo turno di prove ufficiali e la pole position di categoria nei bicilindrici 4 valvole. Tempo di 1.53 che ha permesso di tenere alle spalle moto e mezzi tecnicamente superiori e di recente costruzione. La scelta di non partecipare alle qualifiche 2, hanno stategicamente portato i suoi frutti risparmiando le gomme per la gara,. La giornata di sabato alla fine annovera la sesta posizione della griglia e qualche indicazione su come migliorare il set-up della moto.

_KIM3731

Domenica: il giorno del giudizio. Giorno uggioso, con asfalto umido e asciutto a tratti che obbliga i piloti a prendere delle decisioni potenzialmente avventate. Alcuni decidono di correre, altri dubitano nello scendere in pista, altri ancora mettono mano all’assetto della moto. Alessandro, conscio delle sue possibilità ma anche di ciò che gli avversari possono fare, decide di prendere parte alla gara con il solo obiettivo di fare bene. Alla partenza, momento saliente di ogni gara del supertwins, il vantaggio di esser partito sulla parte sinistra del manto stradale si fa sentire, tanto da portarsi nelle primissime posizioni; tuttavia, già nella seconda curva il gap tecnico tra la Ducati del team Mega-Ne Alemoto e le altre moto è fin troppo evidente. Le limitate possibilità di regolazione e di modifiche “in loco”, assieme ai pochi turni di pista asciutta, non ha permesso di poter colmare il distacco con le concorrenti più veloci. Ciò nonostante il passo tenuto dalla 999 ha permesso ad Alessandro di ottenere la vittoria di categoria 4V. Un successo ottenuto grazie ad un lavoro sapiente fatto a casa, alla giusta preparazione del weekend di gara e al manico di Alessandro.

212-28

Qui si conclude per l’anno 2015 la stagione sportiva del team Mega-Ne Alemoto. Nella prima stagione di corse il bilancio conta 2 primi posti nella Supertwins 4V. Tenendo conto che la moto attualmente utilizzata è una 999s recuperata da un garage,con 35000 km e 12 anni sulle spalle, sulla quale non c’è stata alcuna evoluzione, ci possiamo ritenere soddisfatti. I progetti della stagione sportiva 2016 sono già in fase di elaborazione, le possibilità e le idee sono tante e rivoluzionarie. Così come tanto è l’entusiasmo e la voglia di dimostrare che non servono enormi cifre per fare del sano e romantico motociclismo.

ringrazio ancora e sempre i miei sponsor i miei amici e tutti i miei fans….grazie a tutti di Cuore é stata una stagione fantastica.

Scritto da Valerio Giola Garagiola Team Alemoto

Pubblicato in Notizie | Lascia un commento

Supertwins 30 agosto 2015

varano-68

 

Questa che ho il piacere di raccontare non è la solita sterile spiegazione di come è andato il weekend di gara. È il tentativo, forse maldestro, di spiegare cosa vuol dire vivere il motociclismo romantico, quello che ci hanno tramandato i nostri avi. Quello fatto di nocche sbucciate, olio motore esausto e ferodo nelle narici. Questa è la storia di colui, che dopo anni di sacrifici e soddisfazioni, ha coronato la sua massima aspirazione, vincendo gara 2 di Varano, valida per il trofeo Supertwins. Parlo del team Mega-Ne Alemoto.varano-31

La moto usata per questa gara è una non più giovanissima Ducati 999, recuperata da un freddo e buio garage, condannata a prendere polvere purtroppo. Dopo averle dedicato energia per farla risorgere ed allestita per affrontare l’appuntamento di Varano senza alcun problema tecnico e regolamentare (legature di sicurezza su tappo olio motore, pinze freno, spugna dentro al serbatoio sono solo alcuni). La moto, alla fine di tutti i lavori, non è altro che una Ducati 999, modello vecchio di ben 10 anni, rimessa in funzione con tutte le sue parti originali, aventi solo le legature di sicurezza. L’unica difficoltà “vera” è stato l’alloggiamento delle nuove pastiglie freno, perché troppo spesse: lavoro che ha impegnato il tecnico e pilota Alessandro Loprevite e il collega Luca Donnamura ben un pomeriggio intero di lavoro.

MV3_9843

Ed eccoci a giovedì, giorno della partenza. Il team armato di tutto punto sfreccia sulla Milano-Bologna per dirigersi verso l’autodromo di Varano de Melegali. Sistemato il box (assegnato loro il box numero 13) e tutta la logistica, i ragazzi prendono contatti con i loro avversari col solo scopo di avere qualche linea guida sulle gomme e la loro gestione.

Venerdì mattina, turni di prove libere. Non si è cercato il tempo sul giro, ma un costante affinamento delle traiettorie. Con le gomme in uso sono stati effettuati ben 40 giri; in quel momento non si poteva fare altro, dato che si trattava di gomme con DOT 2012 con più di 100 giri all’attivo. La stanchezza delle gomme si è fatta notare in più occasioni, con perdita di aderenza nelle curve a destra; l’elevata temperatura inoltre, che ha caratterizzato la giornata di venerdì, non ha fatto altro che enfatizzare il degrado di gomme e il livello di stanchezza del pilota.MV3_0071

Sabato mattina superate senza problemi le verifiche tecniche, sostituito le gomme con delle calzature decisamente più fresche e si inizia la giornata con due turni di libere da 20 minuti ciascuno. Nel primo test, caratterizzato da un asfalto freddo, la moto scivolava e rendeva la guida di Alessandro non fluida come il suo solito; ciò nonostante sono stati effettuati 13 giri con un buon passo, attorno al minuto e 16 secondi. Nel secondo turno invece si è lavorato sul pilota, cercando di capire se la sua preparazione mentale era efficace oppure no; fortunatamente per tutto il turno ha tenuto un buonissimo passo anche se la moto tendesse comunque a scivolare. Per ovviare a questa dinamica spiacevole, si è intervenuto sul precarico e sulla compressione della molla del monoarmotizzatore. Questo accorgimento, applicato su un monoarmotizzatore di serie con una molla non tarata per il peso del pilota, avrebbe tuttavia innescare degli spiacevoli high-side. Cosa che però non è mai avvenuta in quest’avventura.

MV3_1144

Sabato pomeriggio, ora il gioco si fa serio. Fuori il manico, testa dentro al cupolino. La tattica è semplice: durante il turno di qualifiche ufficiali di 30 minuti, fare una piccola pausa circa a metà turno per reidratarsi (fare il pilota è un casino! È molto impegnativo Cit. Alessandro) e ricominciare a pestare il cronometro come un fabbro. Risultato: 5 tempo assoluto e pole position nella categoria 4 valvole. Durante gli ultimi minuti della qualifica è accaduto un episodio curioso, nel quale Alessandro ha approcciato una bagarre contro gli avversari della sua categoria, portando a segno un sorpasso interessante all’altezza della variante veloce; tuttavia la sua mancanza di esperienza e malizia lo hanno portato a una sbavatura in uscita, andando ad accelerare sulla riga bianca, che non ha grip. La voglia c’è, la fame di vittoria c’è, manca giusto un po’ di esperienza.MV3_1144

Domenica, tutto pronto per le due gare. Tutto il team Mega-Ne Alemoto è al completo, tutti i supporter sono arrivati per dare il loro sostegno. La moto è pronta, il setting è deciso. Pronti e carichi, si parte. Alessandro inforca la sua Ducati 999, esce dalla pit lane e dopo due curve, esattamente due curve, capisce che qualcosa non va: la moto fa un rumore strano, un boato, come se la marmitta fosse rotta, il motore non spinge. I suoi meccanici, una volta che il desmodromico è arrivato in griglia, controllano il tutto ma non vedono nulla di diverso. Ma Alessandro sente che qualcosa non va. Malgrado questa sensazione, si parte. Semaforo verde e si inizia. Al 3 giro, in pieno rettilineo e con la quarta marca, all’improvviso si spegne la moto. Alessandro non si accorge, il mondo gli è caduto addosso. Non capisce cosa sta succedendo alla moto. Sotto di lui, non c’è una Ducati, ma un traliccio di tubi avvolto dalle fiamme. I commissari intervengono prontamente con estintori per spegnere il tutto, ma i danni alla moto sono seri.

varano-33

Tutto sembra perduto, l’animo di Alessandro spento assieme alle fiamme che hanno avvolto la sua moto e il morale della squadra è sotto terra. Ma i guerrieri quando perdono la battaglia, si rialzano e vincono la guerra. Appena la moto viene riconsegnata nelle mani del team Mega-Ne Alemoto, ognuno fa la sua parte (pilota compreso) e in 3 ore secche la moto viene smontata, pulita, sostituiti tutte le componenti in gomma e i cablaggi elettrici, spurgato e sistemato i freni, saldato la marmitta in acciaio con un elettrodo recuperato in chissà quale modo. Mentre Alessandro si riveste e si medica l’ustione sulla gamba che si è appena procurato, un meccanico prova nel piazzale del paddock la moto che non mostra alcuna perdita. Motivo più che sufficiente per rimontare in sella, prendere la pista e dare gas a mani pari. Giusto in tempo, il semaforo è appena diventato verde, pit-lane aperta.
Di nuovo in griglia, stavolta non si sbaglia. Stavolta andrà bene, la moto va come deve. I denti sono affilati, le desmozampe pronte a scattare. Al semaforo verde, nessuna pietà, tutti gladiatori in un’arena fatta di gomma bruciata, di pistoni ululanti e polvere di ferodo. Una modesta Ducati 999 fronteggia moto del calibro di NCR, Aprilia Tuono V4 e altri mostri di tecnologia; non solo, in pista ci sono anche piloti con esperienza davvero rilevante come Papa Gelsomino e Bartolini. Tutto ciò non può impedire ad un Toro di rivendicare ciò che gli è mancato in gara 1. Una gara fatta col cuore fuorigiri e il cervello quasi spento, con una sola parola impressa a fuoco: GAS!

MV3_1066

Abbiamo assistito al bello delle corse, un mondo fantastico ed infame, che può dare grandi gioie come la pole position di categoria ma come delle grandi delusioni come la rottura della marmitta in gara 1. Ma il bello del motorsport sta nel vedere come un gruppo affiatato e appassionato sia in grado di far risorgere una moto dalle proprie ceneri.

varano-53

Come è andata Gara2? Alessandro ha portato a casa una fantastica vittoria nella categoria 4 valvole, un successo nato dalla sua costanza di impegno sia come tecnico che come pilota, dalla tenacia e dal fervore delle persone attorno a lui e dal tifo di coloro che ci tengono.

varano-50

La prima vittoria di Alessandro nella Supertwins non è solo la dimostrazione che una moto di 10 anni può dire ancora la sua, è soprattutto La Prima Vittoria del Team Mega-Ne Alemoto. Un gruppo dove assieme si subisce un colpo, assieme ci si rialza e Assieme Si Vince. La coppa della categoria 4 valvole non è solo un feticcio di plastica e ferro, ma è il simbolo che il Motorsport di una volta, fatto di sacrificio e voglia di fare, esiste ancora.

Mega-Ne Alemoto: un nuovo team, con le basi di una volta, per i futuri successi!

testo Valerio Giola Garagiola
foto Il Mattia Lunardi
Alemoto.com

varano-59

 

Pubblicato in Notizie | Lascia un commento

Alemoto Motoestate Franciacorta

image

Alemoto 4 Maggio 2015  Motoestate – Emanuele Frosi conquista il terzo gradino del podio nella categoria 600

aggiornamenti e foto su Facebook profilo Alessandro Lopreviteimage

Pubblicato in Notizie | Lascia un commento

Formula Challenge

Finalmente il formulino sulle sue ruote!!

Prototipo formula da allestire con motore 4 cilindri 1000cc ad iniezione.

20141229_160329

Pubblicato in Notizie | Lascia un commento